11º febbraio 2019

Stella McCartney
Presenta il suo Approccio Sostenibile
all'Eyewear

L’impegno di Stella McCartney a favore della sostenibilità continua con le nuove collezioni Eyewear. Vegetariana da sempre, Stella non utilizza pelle o pellicce per le sue creazioni e applica un modello di business moderno e responsabile. L’obiettivo del brand è ampliare i confini dell’industria della moda, progettando e creando prodotti di lusso desiderabili e sostenibili, all’avanguardia nell’impiego di nuovi materiali alternativi e di tecnologie innovative, promuovendo la circolarità, salvaguardando antiche foreste e a rischio estinzione, e valutando l’impatto delle nostre attività con strumenti di nuova generazione. Privilegiando l’uso di risorse rinnovabili rispetto a quelle non rinnovabili, Stella McCartney apre la strada per definire il futuro dell’eyewear riflettendo i bisogni del nostro pianeta.

Tutte le collezioni di occhiali sviluppate in collaborazione con Kering Eyewear sono realizzate grazie all’impiego delle tecnologie più avanzate e con materiali provenienti da fonti gestite in maniera responsabile, come i bio-acetati, derivati da materie prime rinnovabili. Prodotto con fibre di polpa di legno, il bio-acetato non contiene ftalati, ed è quindi biodegradabile.
Il bio-acetato è essenzialmente una versione più naturale dell’acetato, materiale che contiene un plastificante standard (DEP) derivato dal petrolio. Il bio-acetato è costituito da due componenti principali: l’acetato di cellulosa (proveniente dal legno) e un plastificante (derivato dagli esteri dell’acido citrico), entrambi di origine naturale e ottenuti da fonti rinnovabili. Si tratta di un materiale che conferisce al prodotto il tocco lussuoso ed esclusivo di queste sostanze naturali.

Mentre Stella McCartney continua a ridefinire i confini e a mettere in discussione lo status quo, il brand si evolve non limitandosi solo a ridurre l’impatto ambientale, ma producendo un impatto positivo sull’ambiente, rispettandolo e agendo a favore della natura e non contro di essa.

Torna alle Notizie